Una scuola in cammino: splendida iniziativa del Liceo Morin di Mestre - Vivere con Lentezza -

Una scuola in cammino: splendida iniziativa del Liceo Morin di Mestre

10/01/2017 - 23:24

“Il camminare presuppone che ad ogni passo il mondo cambi in qualche suo aspetto e pure che qualcosa cambi in noi” (Italo Calvino) Prendendo spunto da queste parole il Liceo Morin di Mestre organizza una camminata aperta a studenti, genitori, insegnanti e collaboratori. La giornata sarà anticipata da un incontro fomativo con gli studenti con Marino Curnis, camminatore e scrittore e Bruno Contigiani, scrittore e fondatore di Vivere con Lentezza, modera Alberto Fiorin.

Allegati

Aggiungi un commento

CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.
Meditazione di Novembre e Dicembre - Vivere con Lentezza -
18 Ottobre 2017

I soci e le socie di L'Arte del Vivere con Lentezza si ritrovano mensilmente per riflettere, meditare e confrontarsi sui propri percorsi. A turno due dei nostri volontari stanno partendo per seguire il progetto India e poi sotto Natale si dedicheranno alla raccolta fondi per sostenerlo.

Meditazione di ottobre - Vivere con Lentezza -
8 Ottobre 2017

I soci e le socie di L'Arte del Vivere con Lentezza si ritrovano mensilmente per riflettere, meditare e confrontarsi sui propri percorsi. A ottobre terremo l'ultimo incontro 2017, poi i nostri volontari partono per seguire il progetto India.

Una scuola in cammino: splendida iniziativa del Liceo Morin di Mestre - Vivere con Lentezza -
1 Ottobre 2017

“Il camminare presuppone che ad ogni passo il mondo cambi in qualche suo aspetto e pure che qualcosa cambi in noi” (Italo Calvino) Prendendo spunto da queste parole il Liceo Morin di Mestre organizza una camminata aperta a studenti, genitori, insegnanti e collaboratori.

Alla scoperta delle persone del nostro territorio: Giorgia, enologa della Cantina di Vicobarone - Vivere con Lentezza -
15 Settembre 2017

Che cosa ha fatto decidere Giorgia Brugnara, formatasi alla San Michele all'Adige, a lasciare le sue montagne e un'azienda come la Cesarini Sforza di Trento, per venire in Val Tidone e diventare l'enologa della Cantina di Vicobarone?